Per caso sapete dov'è Civitaretenga? No?

Ve lo dico io: fra le montagne dell'Abruzzo.

di Piera Cantalini*

Ma non cercate sulle cartine, non c'è.

Ho perso l'aereo

Era il 17 febbraio quando venni alla LUCE.
di Ercole Di Fiore

Le campane suonavano a festa (festeggiavano "anche" la vittoriosa avanzata del Maresciallo Badoglio verso Amba Alagi.

Il 5 maggio 1972 persi l'aereo che poi precipitò.... ecco, io sono ri-nato il 5 maggio!!!

Una ricerca scolastica effettuata nel 1988 da Carla De Lauretis

II borgo, adagiato su uno sperone roccioso (817 m. sul livello del mare) in posizione strategica di dominio sulla piana sottostante e di controllo dell'importante nodo viario Claudia Nuova, oggi strada statale 17, è stato comune autonomo fino al 1811, anno in cui il governo napoleonico ne decretò l'unione al comune di Navelli.

Leggi tutto...

Le tradizioni folkloristiche abruzzesi

L’etimologia del termine “folklore” deriva dall’unione di due parole di antica origine sassone : “folk” popolo e “lore” sapere, sapere del popolo.

Leggi tutto...

Lo Squadro

Ricorrenza: la prima domenica dopo l’8 settembre

Civitaretenga è stato sempre un paese di sosta transumante, con la chiesa di Santa Maria delle Grazie bianca e solitaria ai bordi del tratturo magno, ma anche con la locanda di posta lungo la rotabile che da Napoli, passando per Sulmonarisaliva verso l’Aquila e continuava fino a Firenze, con il nome di via della lana e dello zafferano.

Leggi tutto...

Joomla SEF URLs by Artio